Crea sito
rss feed

Opinioni a Confronto

l'AlterBlog

NO AL RAZZISMO! IO NON CI STO.

Return »

FIRENZERAZZISMOCi sono cose che non puoi non commentare, che non puoi tacere e quello che è successo, ieri 13 dicembre 2011, a Firenze è una di quelle cose che mi fa imbestialire. L’individuo che ha ucciso due Senegalesi, Samb Modou e Diop Mor, oggi viene definito dalla stampa “pazzo” come a voler assolvere il gesto del cinquantenne assassino, perché appena la settimana scorsa a Torino con la scusa di uno stupro, risultato poi inventato, è stato incendiato un campo Rom.  La storia dell’isolato mostro a Firenze e lo stupro a Torino non reggono, sia il pazzo isolato sia il gruppo imbecille sono stati forgiati da idee e atti razzisti. Il problema non sta né a Firenze né a Torino ma sta in un movimento xenofobo preoccupante che sta maturando sotto i nostri occhi. Appena la destra più becera è uscita dal governo del Paese con i suoi sgovernanti, che ci hanno condotto sull’orlo del baratro, sono ripartiti questi atti d’intolleranza e fanatismo assurdi e folli. Le vittime di Firenze erano arrivate in Italia per guadagnare due soldi per mangiare o chiamare i propri cari laggiù in Senegal. Molti non si rendono conto che dietro queste persone ci sono delle vite, delle famiglie da mantenere, molti sacrifici e molta sofferenza. Quella stessa sofferenza che sentono i nostri connazionali all’estero o anche da chi, come me, sono emigrato, soltanto, al Nord del nostro stesso paese.  Chi ha ucciso ieri i due Senegalesi e chi ha incendiato il campo Rom a Torino, non è stato solo quell’individuo “pazzo” o i dementi di Torino ma è un sistema che in Italia continua ad alimentare il razzismo e l’odio verso persone che già soffrono abbastanza. Il razzismo sale in Italia sempre di più e ci sono movimenti che in modo più marcato lo alimentano.  Spero perciò che chi sia considerato “sano” e ci rappresenta dagli scranni del parlamento non si esibisca, come spesso succede, in espressioni che provocano soltanto xenofobia e odio razziale. Facciamo sentire tutti la nostra voce e condanniamo, in qualsiasi modo, questi gesti!

Share

Be Sociable, Share!